Trasferimento Residenza-Cambio Abitazione - Comune di Argelato

UFFICI E CONTATTI | Settore Servizi Demografici ed Informativi | SERVIZI ANAGRAFICI | Trasferimento Residenza-Cambio Abitazione - Comune di Argelato

COMUNE DI ARGELATO
Provincia di Bologna

MODALITA' DI INOLTRO DELLE DICHIARAZIONI DI RESIDENZA

Presentandosi personalmente presso gli Sportelli URP  negli orari d’ufficio

Orari  di Ufficio

Link a  http://www.comune.argelato.bo.it/servizi/menu/dinamica.aspx?idCat=1254&ID=1254&TipoElemento=categoria

ALTRE MODALITA’ DI INOLTRO

Indirizzo Postale ( Raccomandata): Comune di Argelato, Via Argelati n° 4 -  40050 - ARGELATO  -  Bologna

Posta  Elettronica Certificata ( PEC ): comune.argelato@cert.provincia.bo.it 

Posta elettronica: urp@comune.argelato.bo.it 

Fax N°:  051/6634619

 LA MODULISTICA E’ REPERIBILE AI SEGUENTI INDIRIZZI : 

dichiarazione di residenza

Assenso del proprietario ad occupazione immobile

Assenso trasferimento minore

 

 CAMBIO DI RESIDENZA IN TEMPO REALE

Dal 9 maggio 2012 entrano in vigore nuove modalità per il cambio di residenza, previste  dal decreto semplificazione[1]

L’Ufficiale d’Anagrafe procederà ad attribuire la residenza entro 2  giorni lavorativi sulla base delle dichiarazioni effettuate dagli interessati. Entro 45 giorni l’Ufficiale d’Anagrafe effettuerà le verifiche sulle dichiarazioni. Qualora dalle verifiche emergano discordanze con la situazione effettiva, l’ufficiale d’anagrafe provvederà a togliere la nuova residenza e inoltrare denuncia all’autorità di pubblica sicurezza. La falsa dichiarazione costituisce infatti reato perseguito penalmente.

COME SI PRESENTA LA DICHIARAZIONE

La dichiarazione va fatta compilando un modulo predisposto dal Ministero dell’interno. Il modulo può essere ritirato presso gli sportelli URP o scaricato dal sito del Ministero utilizzando il seguente Link: link al Modulo

La dichiarazione debitamente compilata e sottoscritta può essere trasmessa al Comune nei seguenti modi:

  1. Consegnandola direttamente agli sportelli URP, in orario di apertura. Per agevolare gli interessati  è stata prevista la possibilità di “presentazione assistita”. Questa avviene su appuntamento, da fissarsi contattando il servizio URP. Durante la presentazione assistita la dichiarazione viene esaminata da un ufficiale d’anagrafe che può fornire chiarimenti e controllare la regolarità formale della dichiarazione.

  2. Per raccomandata all’indirizzo Comune di  Argelato sopraindicato.  Non risulta pertanto  regolare la presentazione a mezzo altri servizi postali (es.: posta ordinaria)

  3. Per fax al n. 051/ 6634619;

  4. per via telematica  agli indirizzi sopra indicati. Quest’ultima possibilità di inoltro è consentita ad una delle seguenti condizioni:
    a)  che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
    b)  che l’autore sia identificato dal sistema informatico con l’uso della carta d’identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l’individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;
    c) 
    che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;
    d)  che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d’identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice;


    Qualora la presentazione avvenga con le modalità previste ai punti 2, 3 e 4 si considererà data di presentazione la data in cui il documento è stato ricevuto al protocollo.

IL PROCEDIMENTO

  1. Ricevuta la richiesta, il Comune,  entro i 2  giorni lavorativi successivi ,  procede alla registrazione.

  2. Entro tale termine il Comune  inoltrerà la comunicazione a quello di provenienza per la cancellazione. 

  3. Qualora la dichiarazione non contenga tutti i dati obbligatori previsti dalla legge verrà dichiarata “Irricevibile” e sarà archiviata. In questo caso l’interessato dovrà avviare un nuovo procedimento.

  4. Si evidenzia la necessità che siano adeguatamente compilati i campi di interesse del Ministero dei trasporti  (Patente di Guida e Targhe Autoveicoli) per consentire all’amministrazione comunale di avviare le pratiche per la trascrizione del cambio di residenza sulla patente e sui libretti di circolazione dei mezzi  stessi 

  5. Gli effetti giuridici delle dichiarazioni anagrafiche e delle corrispondenti cancellazioni decorrono dalla data di presentazione della dichiarazione; 

  6. L’accertamento dei requisiti cui è subordinata la conferma della Residenza devono essere effettuati nei 45 giorni successivi. Trascorsi i quali , senza che giunga alcuna comunicazione dall’amministrazione comunale,  decorre il silenzio assenso, e l’iscrizione anagrafica s’intende regolarmente effettuata.

DECORRENZA DEL CAMBIO DI RESIDENZA

La decorrenza giuridica del cambio di residenza parte, come sempre, dalla data di presentazione della dichiarazione. Entro i 2 giorni lavorativi successivi alla presentazione dell’istanza, il richiedente sarà iscritto in anagrafe e potrà ottenere il certificato di residenza e lo stato di famiglia, limitatamente alle informazioni “documentate”.

Nel caso di cambio di residenza con provenienza da altro comune, entro gli ulteriori successivi 5 giorni lavorativi il comune di provenienza dovrà provvedere alla cancellazione ed alla verifica dei dati forniti dal dichiarante. Da quel momento potranno essere rilasciate tutte le normali certificazioni.

ESITO NEGATIVO DEI CONTROLLI

Qualora dai controlli emergano discordanze con quanto dichiarato, il cittadino sarà invitato a  fornire chiarimenti entro 10 giorni dal ricevimento della richiesta. Qualora si confermino le inesattezze individuate nell’attività di verifica si applicano gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000, che dispongono:

  • la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione Ciò comporta oltre alla cancellazione della nuova residenza e al ripristino della situazione precedente anche la perdita di eventuali benefici dovuti al possesso della nuova residenza (ad es.: iscrizione al nido, agevolazioni tributarie ecc.) 

  • sanzioni  penali per la  dichiarazione non veritiera . Il Comune è infatti obbligato alla segnalazione alle autorità di pubblica sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti.   

 


 

 

[1] art. 5 del decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35, recante”Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo”

 


 link a TRASFERIMENTO RESIDENZA AIRE

link a TRASFERIMENTO RESIDENZA STRANIERI
 


 

 

 



 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il