Informativa sui tributi – Emergenza Covid-19 - Comune di Argelato

archivio notizie - Comune di Argelato

Informativa sui tributi – Emergenza Covid-19

 

IMU

Con legge di bilancio n. 160/2019 è stata abolita la Tasi. E’ stata, invece, introdotta una nuova Imu in sostituzione di quella precedente.

Al momento non è stata prevista una proroga della scadenza del pagamento della prima rata Imu che resta il 16 giugno 2020.

Sempre in base alla legge di bilancio, in sede di prima applicazione dell'imposta nell’anno 2020, la prima rata da corrispondere è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l'intero anno 2019 utilizzando il solo codice tributo IMU.

Come previsto dal decreto Rilancia Italia, il Comune provvederà all’approvazione del nuovo regolamento Imu e delle relative aliquote entro il 31.07.2020, pertanto si potrà procedere al versamento del saldo a dicembre sulla base delle aliquote che verranno effettivamente approvate.

Il decreto Rilancia Italia prevede però l’abolizione del versamento della prima rata dell'IMU per i possessori di:

  • alberghi (categoria catastale D/2)

  • agriturismi

  • ostelli della gioventù

  • campeggi

  • stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali

  • stabilimenti termali

a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate

Si rammentano di seguito le aliquote Imu e Tasi 2019:

Aliquote IMU 2019

  • 8,9 ‰  aliquota base applicabile a tutti gli immobili diversi da quelli indicati di seguito

  • 4,4 ‰ Abitazioni principali  (solo categorie catastali A/1, A/8 e A/9) e relative pertinenze (massimo 1 per categoria) – (detrazione € 200,00)

  • 4,4 ‰ Immobili locati a Canone Concordato a persona fisica residente e dimorante e relative pertinenze (massimo 1 per categoria) (art. 2 comma 3 L.431/98). Per le altre fattispecie di affitto a canone concordato l’aliquota rimane 8,9‰.

Aliquote TASI 2019

  • 1 ‰ aliquota base (applicabile a tutti gli immobili diversi da quelli indicati di seguito comprese le aree edificabili e le categorie D/5 e D/10)

  • 1 ‰ abitazioni principali (solo le categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze)

  • 0,5 ‰ categorie catastali D (tranne  categorie D/5 e D/10 alle quali si applica l’aliquota 1 ‰)

  • 0,5 ‰ categoria catastale C/1

TARI

A seguito della situazione di emergenza sanitaria, con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 15.04.2020, il Comune ha disposto, limitatamente all'anno d'imposta 2020, il rinvio della scadenza della prima rata TARI al 30 settembre.

Resta confermata la scadenza della seconda rata al 30 novembre 2020 e la facoltà di effettuare il pagamento in unica soluzione entro 30 settembre.

In allegato la relativa deliberazione di consiglio


Pubblicato il 
Aggiornato il